Archivio dell'autore: gianni montieri

Asse Mediano (poesia inedita)

buenos aires, foto di Gianni Montieri

*

Ieri è stata pubblicata una mia poesia recente su Gli Stati Generali, vi invito a leggerla.

 

Dove va a finire l’Asse Mediano
dove spegne l’ultima insegna
di un centro commerciale
sotto il sole di Marcianise
dietro a uno degli alberi

[… continua a leggere su GliStatiGenerali]

Annunci

Andrea Pomella, Anni luce – su minima & moralia

Andrea Pomella, Anni luce, add editore 2018

*

Eravamo giovani, avevamo vent’anni, stavamo in una terra di mezzo, il futuro sarebbe stato “Il motore del 2000”, il passato recente solo un racconto da invidiare; dovevamo costruirci un’identità, ma non ci facevamo illusioni. Non ci restava che cantare, urlare certe canzoni per fare entrare un po’ di luce. Andrea Pomella con Anni luce ci ricorda di noi, di tutte le volte che ci siamo attaccati a una bottiglia, a un amico, a un cantante. In molti siamo sopravvissuti a quella stagione e con quella particolare aria spaesata ce ne andiamo ancora in giro; senza troppi riferimenti, già stanchi in partenza e oggi stanchissimi anche per lamentarci. Siamo noi, che siamo accomunati dalla stessa distanza dalla speranza. [continua a leggere su minima&moralia]

*

gm


Piglia, Respirazione artificiale su Doppiozero

Ricardo Piglia, Respirazione Artificiale, Sur, 2018, trad. G. Guadalupi

*

“Sul telaio di quelle false illusioni si tendono le nostre sventure”.

I grandi libri bisogna saperli aspettare. Aspettare, cioè, il momento in cui si sia pronti ad accogliere tutto quello che un determinato numero di pagine ci potrà dare. Quando, per alcuni anni, si rimanda la lettura di un romanzo definito capolavoro – capolavoro sul serio, non tanto per dire, come spesso di questi tempi si fa – significa che da quella lettura ci si aspetta molto; e, ancora, si sa che quel libro non ha una data di scadenza, essendo il capolavoro, per definizione, senza tempo e senza spazio e che – per fortuna – non richieda un motivo. Io ho deciso che il tempo per questo libro fosse questo gennaio e che i luoghi dove lo avrei letto sarebbero stati Buenos Aires e Montevideo, posti di un viaggio dal quale sono appena rientrato. Il romanzo è Respirazione artificiale di Ricardo Piglia, ripubblicato in nuova edizione da Sur pochi giorni fa, per la traduzione di Gianni Guadalupi e introdotto, nell’edizione italiana, proprio da Piglia. Respirazione artificiale è un libro che dovrebbero leggere tutti quelli che abbiano a cuore le sorti della letteratura, tutti quelli che sanno cosa sia in grado di mostrare una frase scritta come si deve, e quanto sia in grado di celare. [continua la lettura su Doppiozero]

*

gm


Danilo Soscia, Atlante delle meraviglie

Danilo Soscia, Atlante delle meraviglie, minimum fax, 2018

*

Sessanta fiammiferi racchiusi in una piccola scatola, ogni fiammifero ha un colore diverso. Il fiammifero blu, quello viola, quello giallo. Il fiammifero rosso. Quello seppiato, quello in bianco e nero. Il verde, il fiammifero arcobaleno. Sessanta fiammiferi che quando li sfreghi accendendosi fanno un rumore diverso, fanno una luce ora distante ora vicina. Ogni fiammifero è nuovo, ogni fiammifero è figlio di un altro bruciato da un po’ o da un secolo prima. Sessanta fiammiferi ma ognuno arriva da un posto diverso e ognuno ha un nome. [continua a leggere su HuffPost]

*

 


Offutt, Nelle terre di nessuno

Leggiamo storie, belle storie, romanzi e racconti dei più bravi scrittori nordamericani e volta dopo volta ci illudiamo di aver capito quel paese, la sua complessità; quanto contino gli spazi e l’isolamento, quanto si guardino in faccia di continuo la libertà e l’impossibilità di ottenerla, quanta importanza occupino i silenzi. E ancora quanto conti, al di fuori delle grandi metropoli, il rapporto dell’uomo con il territorio. Ci illudiamo e ogni volta falliamo perché poi arriva un altro scrittore, uno che non abbiamo ancora letto, che fa saltare il tavolo. Ed ecco che ai territori che avevamo attraversato mancava un pezzo, che il cielo non lo avevamo guardato bene, che c’erano altre strade da attraversare. Questa volta è giunto a noi Chris Offutt, le terre di nessuno sono quelle del Kentucky, le parole dei suoi racconti sono arrivate per scaraventarci in un mondo misterioso e nuovo, un mondo indimenticabile. [continua a leggere su HuffPost]

gm


Nuovo blog su HuffPost

Cari, da ieri c’è un mio nuovo blog su Huffington Post, troverete gli articoli che via via usciranno a questo link:

Gianni Montieri / HuffPost

Il primo articolo è sulla poesia di Giovanni Fierro e il suo nuovo libro Gorizia On/Off.

Potete leggerlo qui:

http://www.huffingtonpost.it/gianni-montieri/gorizia-simbolo-di-una-condizione-umana_a_23307063/

Grazie.

Gianni


Poetarum, i saluti

Il logo e il motto di Poetarum Silva vengono da una foto che ho scattato all’East Side Gallery di Berlino nel 2009, la foto che vedete qui sopra è di due anni dopo e l’ha scattata Anna; stesso posto, stesso muro, ma meno pulito di due anni prima. Quest’immagine è per me molto più di un simbolo, sintetizza una parte importante della mia vita, un numero congruo di anni che vanno dal 2009 ad oggi. Se quel giorno pensassi davvero a un “per sempre” non ci è dato saperlo, esiste un per sempre per un rivista online? E che significa per sempre?
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
 
Sempre è più che altro è un’idea, è una cosa andata a buon fine, è una memoria costruita e condivisa, è una casa messa su pietra per pietra (stavo per scrivere masso per masso, ma per una volta lascio stare Faber), poesia dopo poesia, articolo dopo articolo, rubrica dopo rubrica, libro dopo libro. Sempre è più che altro una risata e un litigio, è la somma di e-mail scambiate a tarda notte e all’alba. Sempre è una traduzione, una revisione, una porta sempre aperta che è stata spesso un portone. Sempre è stato il nostro balcone, il punto dal quale abbiamo guardato; e il balcone è la rete, un campo aperto, una campo sterminato, un campo che puoi coltivare, un pezzo di terra che ti può inghiottire. Sempre è arrivare dentro ai pc, ai tablet, agli smartphone degli altri. Sempre, per me, è far leggere una cosa che mi piace alle altre persone, e così è stato (e credo ancora sarà per Poetarum Silva). Sempre è collaborazione, è ognuno che risponde della propria decisione. Sempre è redazione, e quindi libertà e partecipazione (stavolta cito, invece). Sempre è partire da niente, dalla voglia di fare, e da una specie d’amore verso la letteratura. Sempre è prendere un libro partendo da una frase, da una parola e venirlo a raccontare, uscendo dallo schema, inventandone un altro, a volte fallendo, molto spesso riuscendo. Sempre è non sapere nemmeno cosa significasse scrivere per il web, e poi averlo imparato. Sempre è accoglienza, ed è questa la parola che più di tutta abbino a Poetarum e ai miei compagni di questi anni; abbiamo accolto senza timori e abbiamo imparato a dire no. Ecco, una cosa che ho imparato, ho imparato a dire no, ma con gentilezza, ho imparato a non dimenticare il garbo. Sempre è capire quando è il momento di cambiare, e il momento è adesso.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Lascerò la direzione di Poetarum Silva dal primo gennaio del 2018, la redazione è – ovviamente – già a conoscenza di questa mia decisione. Ci ho pensato molto, ci penso da mesi, è stato molto difficile però ho deciso e l’ho fatto con serenità, con un po’ di tristezza ma anche con leggerezza, quella che ti viene sapendo di aver fatto le cose per bene e di lasciare una rivista che ogni mese batte i propri record di accesso. Leggerezza che viene sapendo di lasciare al comando amici che sapranno andare avanti. Ogni tanto bisogna andar via di casa, ma non per questo si dimentica ciò che è stato, ma non per questo si smette di voler bene.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
 
Di solito non mi dilungo, sono già oltre il limite di battute che sopporto, ma non me ne vado senza ringraziare e abbracciare.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio per prima Natàlia Castaldi che se non avesse fondato Poetarum quel giorno e non mi avesse chiesto: “Ci stai?” tutto questo non sarebbe avvenuto.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio Anna Maria Curci e Fabio Michieli, compagni di idee e di tenacia, compagni di risate, senza loro due non ce l’avrei fatta in tutti questi anni. Ho imparato da loro la pazienza dell’editing e quanto contino le variazioni del linguaggio e molto altro, e so per certo che loro abbiano imparato qualcosa da me, se non altro come ci si insulti in napoletano. A loro passa la proprietà di Poetarum che andrà avanti bello e inesorabile. Grazie.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio Luciano Mazziotta che ha lasciato Poetarum da poco, ma è come se.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio i miei redattori, amici soprattutto. Grazie ad Andrea Accardi, a Francesco Filia, ad Alessandra Trevisan, a Marco Annicchiarico, a Giovanna Amato, a Cristiano Poletti e Jacopo Ninni e Gino Di Costanzo (un altro “come se”), credo che sappiate quanto contate per me.
 ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio i redattori che si sono avvicendati e che comunque sono stati importanti.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio i collaboratori, i molti collaboratori di questi anni, che vanno e vengono, che hanno proposto e propongono, mi permetto qui di citare i più assidui e costanti. Grazie a Martino Baldi, Martina Mantovan, Raffaele Calvanese, Giulietta Iannone, Irene Fontolan, Favaron Renzo e Mario De Santis, Giuseppe Ceddìa, Chiara Tripaldi, Paolo Triulzi, Sandro Abruzzese, Ilaria Grasso. Per voi la porta di Poetarum resta apertissima anche senza di me.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio gli autori, tutti quanti. Autori che si sono fidati e hanno dato un racconto, hanno mandato un libro, una poesia. Ringrazio chi ha regalato un inedito rispondendo in pochi minuti di sì. E lo hanno fatto i poeti più sconosciuti e lo hanno fatto i più noti. E quella volta che abbiamo fatto quella pazzia dei racconti di Natale o quell’altra più pazza ancora dei racconti per il Festival dei Matti.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
E ringrazio i festival (Festivaletteratura in particolare) e le librerie e le riviste e i siti letterari che hanno accettato il confronto e hanno scambiato dati e link.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio ogni editore e i relativi uffici stampa, per ogni libro che hanno mandato, anche loro fidandosi di chi se ne sarebbe occupato.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Ringrazio infine tutti i lettori, uno per uno, perché scrivere è un conto, pubblicare è un altro, ma che qualcuno ti legga non è per niente scontato.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Grazie, è stato molto bello.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Non vado da nessuna parte, troverete sempre i miei pezzi dove li trovate già, magari anche in qualche posto nuovo, e li troverete spero, qualche volta, anche su Poetarum.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Gesù, come l’ho fatta lunga.
 :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Gianni

Su “Cosedicasa”

Poetarum Silva

Iacopo Ninni, Cosedicasa, Dot.com press, 2017

Cosedicasa è un libro, una parola, un letto. Un’anta socchiusa, una finestra aperta, una scala che scende e che sale. Cosedicasa è un posto in un bosco ma sa di mare. È inevitabilmente un ritorno. Una tegola, un muro da tirare su, un ingranaggio da sistemare, un tavolo da apparecchiare, un altro per lavorare. Cosedicasa è una storia, è un giardino, è un architetto a cuore aperto. È la Toscana nascosta tra gli alberi, è Milano, è una fotografia, è qualcuno che ti dice di non andare via. Mi pare sia un incontro, un’altra fotografia. E poi è un’attesa, qualcuno che sa guardare, che sa attendere, perché poi  qualcuno arriva. Cosedicasa, vi dico, è una partenza, è un poeta che ci dice ciò che è stato, che ci mostra che sarà. La casa è una figlia, è una donna, la casa è un ciliegio, è…

View original post 612 altre parole


Davide Orecchio, Mio padre la rivoluzione

Poetarum Silva

Davide Orecchio, Mio padre la rivoluzione, minimum fax, 2017; € 18,00, ebook € 9,99

Quando un libro mi conquista è facile che mi resti in testa per settimane, che alcune frasi mi si ricompongano nella mente mentre sto facendo qualunque altra cosa, un po’ come accade con le belle poesie. Stai camminando e ti tornano nitidi e perfetti due versi di Montale, una chiusa di Strand, un attacco di Pagliarani. Se devo scrivere di un libro bello comincio una sorta di rielaborazione involontaria della storia dentro la mia testa: ripenso ad alcuni passaggi, sottolineo mentalmente alcune parole, entro nei dettagli e scelgo le cose da dire. Nel caso di Mio padre la rivoluzione di Davide Orecchio ho passato alcuni giorni a sentire dentro di me il ritmo delle frasi, il suono che fanno le parole andando da una all’altra, rivedendo alcune scene, i volti dei personaggi, le loro storie vere rielaborate…

View original post 1.365 altre parole


Sarah Manguso, Andanza

Poetarum Silva

Sarah Manguso, Andanza
traduzione di Gioia Guerzoni
illustrazioni di Marco Petrella
NN editore, 2017; € 15,00

E poi penso che non ho bisogno di scrivere nient’altro, mai più. Non è svanito nulla, non del tutto. Tutto quello che è successo ha lasciato una piccola ferita.

Sarah Manguso mi aveva già conquistato con Il Salto, libro che, come questo, aveva tanto a che fare con la memoria, con il dolore, con lo scegliere tra trattenere e lasciare andare. La scelta tra cosa o chi trattenere e cosa o chi lasciare andare. Scelte che Manguso compiva e compie attraverso l’uso magico e ipnotico che fa delle parole. Scelte che si compiono scartando ciò che non suona e realizzando il ritmo. Un ritmo che incanta. Il Salto era memoir e romanzo, Andanza è lo scioglimento in parole nuove di un diario tenuto per tutta la vita e in un certo senso ne realizza…

View original post 733 altre parole


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: