Alessandro Zannoni, Stato di famiglia (su Huffpost)

Alessandro Zannoni, Stato di famiglia, Arkadia 2019

 

«Anna ha gli occhi chiusi. Non sa dov’è, non capisce neppure se è sveglia o se sta facendo un sogno di quelli da non percepire la differenza con la realtà. Scuote la testa e si accorge di come sia sgombra, cava come un tubo di plastica, da non trovarci dentro niente.»

Leggi la recensione su Huffpost