Liborio Conca, Rock Lit (su Huffpost)

Liborio Conca, Rock Lit, Jimenez edizioni, 2018

*

Quello che fanno le canzoni lo sappiamo, o, parliamoci chiaro, crediamo di saperlo. La verità è che non lo sappiamo mai del tutto; conosciamo l’effetto che ha su di noi una canzone.

Un pezzo ci emoziona perché ascoltato in un dato momento, un altro semplicemente perché è bellissimo, un altro ancora ci emoziona a ogni ascolto anche se dopo molti anni non sappiamo bene il perché. A me succede ormai da quasi 25 anni, quando ascolto Strange currencies dei Rem, contenuta in quell’album stupendo che è Monster .

Non è nemmeno la più bella del disco, ma a chi importa se tu di te fa l’effetto che deve fare? Se non posso (e forse non voglio) conoscere la causa di un’emozione, posso arrivare a sapere qualcosa di più sull’origine di un brano, del disco in cui è contenuto, dei motivi per cui una data frase compaia a un certo punto del testo, delle letture che faceva l’autore nel periodo in cui l’ha scritta, delle persone che ha incontrato, di quelle che avrebbe voluto incontrare e non ha fatto in tempo, e così via. [continua a leggere su Huffpost]

Annunci