“Avremo cura” su Trasversale, recensione di Rosa Pierno

Avremo cura - copertina solo prima

recensione di Rosa Pierno

*

Il racconto delle minime cose, quelle quotidiane al limite dell’insignificanza, non  è mai  stato così prezioso proprio a causa del tono pacato, lieve e dolce  dell’autore: Gianni Montieri nel suo “Avremo cura”, editrice Zona, 2014. La macchina percettiva che è in azione, non si saprebbe dire dove sia posizionata, non c’è un esterno pregnante rispetto a uno stato interiore, perché quello colora questo, perché questo assembla quello, in un’osmosi che se stempera i contorni, rafforza la fermezza dell’immagine, mettendo a fuoco il nucleo dell’insensatezza che il poeta denuncia.

Tuttavia, la felicità c’è sempre quando c’è lei, la donna amata,  e si riverbera sulle pareti della chiesa della Salute, sull’acqua “appena alta”. La pienezza dell’amore. L’amore che sazia e che allontana non solo la morte, ma rende impossibile la sua stessa fine. Nessuna cosa può fotografarsi senza che lei sia riflessa dallo sguardo del poeta sulle superfici levigate delle cose. E dà una felicita l’amore, quando è sazio, che fa dimenticare anche che il mondo non è amore.

L’amore, pertanto, come condizione di serenità e di relativizzazione dello sciabordio a cui le cose dell’esistenza sono abbandonate, il quale è,  in ogni caso, un moto che non modifica l’ordine delle cose. Ma lo sguardo d’un uomo preso d’amore, nelle profondità intestine delle cose ritrova i luccichii e i riverberi, le superfici trasparenti, i limpidi moti di un’acqua stagna e l’oscuro fondo. Qualcosa consente la completa complanarità tra profondità e superficie ed è la sostanza stessa dell’amore: leggibile e illeggibile nel medesimo torno di tempo. [continua a leggere su Trasversale]

Annunci

I Commenti sono disabilitati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: