Archivi del mese: febbraio 2016

Una frase lunga un libro #46: Giovanna Marmo, Oltre i titoli di coda

#Unafraselungaunlibro n. 46 su Poetarum Silva. Giovanna Marmo, Oltre i titoli di coda

Poetarum Silva

marmo

Una frase lunga un libro #46: Giovanna Marmo, Oltre i titoli di coda, Nino Aragno editore, 2015, € 8,00

*

Vedo luce e ombra. Nulla è più faticoso
che distinguere i fatti evidenti
dagli incerti.

Tuttavia non ammetto che
tu occhio mi inganni
neanche per un istante.

Rumore di tacchi,
l’agonia del neon.

Ogni volta che leggo una poesia di Giovanna Marmo penso a un palcoscenico. Il teatro è la prima cosa a cui penso. Non penso alla poeta napoletana su un palcoscenico, anche se lì Marmo ci sa stare benissimo, ma penso al suo modo di vedere e poi rappresentare le cose. Marmo pensa sempre a uno scambio, pensa a qualcosa prima e dopo lo schermo, a chi sta dietro il sipario, a chi sta davanti, a chi guarda. Ma chi guarda? Tutti guardano. Guarda il regista, guarda l’attore e guarda lo spettatore, ciascuno vede in base a ciò che…

View original post 824 altre parole

Annunci

Una frase lunga un libro #45: Ana Paula Maia, Di uomini e bestie

#Unafraselungaunlibro 45 Ana Paula Maia, Di uomini e bestie – su Poetaraum Silva

Poetarum Silva

diuominiebestie

Una frase lunga un libro #45: Ana Paula Maia, Di uomini e bestie, La Nuova Frontiera, 2016, traduzione di Marika Marinello, € 14,50

*

Negli occhi del ruminante, sebbene sempre insondabili, si era dissipata tutta la nebbia e il buio. Era la sua stessa immagine quella che aveva davanti a sé, riflessa negli occhi della vacca, poco prima di morire. L’immagine della bestia. Quotidianamente è se stesso che vede quando ammazza, dato che ha imparato a guardare attraverso la foschia che cala negli occhi dell’animale.

Mentre leggevo Di uomini e bestie di Ana Paula Maia mi tornavano in mente con forza lacerante (passatemi il termine) molte poesie di Ivano Ferrari, quelle di Macello e quelle di La morte moglie (libri editi entrambi da Einaudi). Ivano Ferrari è uno dei più bravi poeti italiani e ha raccontato soprattutto in Macello, con poesie dure e luminose, la vita e la morte nel…

View original post 689 altre parole


Una frase lunga un libro #44: Alessandro Bertante, Gli ultimi ragazzi del secolo

#Unafraselungaunlibro 44 Alessandro Bertante, Gli ultimi ragazzi del secolo su Poetarum Silva

Poetarum Silva

bertante

Una frase lunga un libro #44: Alessandro Bertante, Gli ultimi ragazzi del secolo, Giunti, 2016, € 16,00. ebook € 9,99

*

Abbiamo trascurato ogni memoria, anche quelle più recenti, così drammatiche e crudeli che parevano impossibili da rimuovere. Siamo riusciti a dimenticare la nostra guerra, l’irriducibilità dei nostri crimini, pensando, nonostante o forse grazie a questa ignoranza, di avere una risposta a ogni domanda. Seduti sul divano davanti al televisore, ci siamo illusi di avere capito dove nasce l’odio, di conoscere il motivo per cui viene stuprata una donna o ammazzato un vicino di casa, ci siamo illusi di possedere la giusta chiave d’interpretazione per ogni crimine, di guardare il mondo da un punto di vista superiore, di essere superiori per diritto di nascita. E adesso non sappiamo più dove ficcare la testa.

Siamo nati tra la fine degli anni sessanta e i primi anni settanta. Nati da generazioni che avevano…

View original post 861 altre parole


Una frase lunga un libro #43: Crocifisso Dentello, Finché dura la colpa

#Unafraselungaunlibro n. 43 su Poetarum Silva: Crocifisso Dentello, Finché dura la colpa

Poetarum Silva

CoverDentelloDef

Una frase lunga un libro #43: Crocifisso Dentello, Finché dura la colpa, Gaffi, 2015, € 16,90

*

Crocifisso Dentello, Finché dura la colpa

Quando mastico una michetta con due fette di mortadella mastico un mondo di privazioni e di occasioni mancate. Un panino con la mortadella è spesso il facile sostituto di un pasto. I miei genitori la mangiano con gusto. A me frana giù nello stomaco come veleno. MI sembra di nutrirmi della mia stessa miseria, intossicando il sangue fino a renderlo sempre meno fluido.

La letteratura è (e significa) un sacco di cose. Per molti è sinonimo di conoscenza, per altri di civiltà, di cultura, naturalmente. È di certo una somma di questi tre elementi. Per altri è un passione, è devozione, qualcosa in cui perdersi e ritrovarsi. È, poi, un atto d’amore incondizionato, per un numero ristretto di persone, è qualcosa da abbracciare e da cui dipendono le…

View original post 800 altre parole


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: