Archivi del mese: giugno 2015

Miroslav Košuta: La casa (da La ragazza dal fiore pervinca)

Poetarum Silva

pervincaMiroslav Košuta: La casa (da La ragazza dal fiore pervinca, Del vecchio editore, 2015 – traduzione di Tatjana Rojc )

*

Hiša

Vsaka hiša ima štiri stene
in nebo.
Vsaka hiša ima uro, ki meri noč,
in črva, ki grizlja smrt
v policah,
v podu,
v posteljni vabi z vonjem po znoju

Vsaka hiša ima vrata, da skoznje
stopa strah,
in med okni
okno za samomorilce.

Hiše v mojih krajih so lamijoni
in svetijo na morje,
v eni
pa je ležišče iz suhih alg,
kier me čaka
telo,
odporto ko zemlja
in globoko
ko grob.

*

La casa

Ogni casa ha quattro pareti
e un cielo.
Ogni casa ha un orologio a misurar le notti,
e un tarlo a rodere la morte
negli scaffali,
nel pavimento,
nell’esca del letto, pregna di sudore.

Ogni casa ha una porta per far entrare
la paura,
e tra le finestre
quella per i suicidi.

View original post 495 altre parole


Una frase lunga un libro #18 – Ugo Riccarelli: L’amore graffia il mondo

#unafraselungaunlibro 18 – Ugo Riccarelli – L’amore graffia il mondo su Poetarum Silva

Poetarum Silva

riccarelliUna frase lunga un libro #18 – Ugo Riccarelli: L’amore graffia il mondo, Mondadori, 2012. € 19,00  e-book 6,99

Delmo estrasse dal taschino l’orologio per controllare la puntualità del diretto che di lì a un minuto sarebbe dovuto sbucare dalla curva oltre la roggia, rompendo con il suo sferragliare l’incanto del galleggiare nella dolcezza di quella bevanda opaca. Fu proprio mentre iniziò a sentire il rumore del treno che dalla carie sulla casa si affacciò sua sorella Anita ad annunciare la nascita con un bercio da mercato, e lui all’improvviso dimenticò i treni e la dolcezza dell’orzata e si ricordò della moglie che un paio d’ore prima aveva rotto le acque.

Comincia così L’amore graffia il mondo, con orologi, attese, treni e nascita, e questi quattro elementi saranno i cardini del libro. “Ci sono gesti che bisogna continuare a fare / chiudere finestre, tostare il pane, legarsi / il fazzoletto…

View original post 519 altre parole


Anna Maria Carpi: L’animato porto

Su Poetarum Silva recensisco “L’animato porto” di Anna Maria Carpi

Poetarum Silva

big_carpi.

Anna Maria Carpi: L’animato porto, La vita felice, 2015. €12,00

Scrissi qualche mese fa una nota di lettura intitolata Tutti passanti. La nota accompagnava due testi (allora inediti) di Anna Maria Carpi; testi poi inseriti ne L’animato porto, nuovo libro della poeta milanese. È questo il libro che proverò a raccontarvi oggi. In quella nota tentavo un riepilogo dei temi che affronta (e che ha affrontato) la poetica di Anna Maria Carpi. Adesso che il libro è uscito, libro molto bello, diciamolo subito, il riepilogo diventa quasi obbligatorio. Lo diventa per me, che mi sono occupato di quasi tutti i suoi libri, e lo diventa per i lettori, perché il percorso della Carpi si arricchisce di raccolta in raccolta, di domanda in domanda e, arricchendosi, si compie. L’animato porto è composto da poesie inedite, accompagnate da alcuni testi che facevano parte di Quando avrò tempo(Transeuropa, 2013), proviamo…

View original post 801 altre parole


Una frase lunga un libro #17 – Daniele Del Giudice: In questa luce

#unafraselungaunlibro 17 – Daniele Del Giudice: In questa luce. Su Poetarumsilva

Poetarum Silva

In-questa-luce-Del-Giudice1Una frase lunga un libro #17 – Daniele Del Giudice: In questa luce, Einaudi, 2013. € 18,50 – ebook € 9,99

Eccomi qui, davanti al foglio bianco. Quante volte, dalla prima? Quante volte ancora, fino all’ultima? Non son balle, scrivere è difficile. Per tutti.

Quando si comincia la lettura di un libro di Daniele Del Giudice, si ha l’impressione che lo scrittore occupi l’intero spazio della pagina sin dalla prima frase, se non dalla prima parola. I suoi incipit lasciano poco scampo al lettore e lo trascinano, da subito, in un luogo dove materia e immaginazione, oggetti e astrazione, dimorano in perfetta armonia. In questa luce, raccolta di scritti, uscita nel 2013 per Einaudi, non fa eccezione. Del Giudice mette in scena le proprie passioni, e, facendolo, ci mostra il motore, i cilindri, i pistoni, la benzina del suo scrivere, forse del suo stesso essere. Il libro comprende testi editi…

View original post 439 altre parole


“Avremo cura” (un anno dopo le prime bozze)

Avremo cura - copertina completa

Un anno fa, di questi tempi, si faceva il primo giro di bozze, poi le cose sono andate come dovevano andare. (gm)

*

Questo fiume grigio scuro, i ponti,
la S-Bahn che corre in alto,
gli orologi sospesi, le vecchie fabbriche,
appena sopra il letto, il muro
dietro disegnano murales colorati
simboli, colombe bianche in volo

qui dove scattiamo foto, beviamo birra chiara
talvolta confondendo l’Est con l’altra parte
qualcuno provava a saltare, qualcuno arrivava di là.

 


Una frase lunga un libro #16 – Roberto Bolaño: Puttane assassine

#Unafraselungaunlibro numero 16 – Puttane assasine – su Poetarum Silva

Poetarum Silva

puttaneUna frase lunga un libro #16 – Roberto Bolaño: Puttane assassine. Adelphi, 2015 – Traduzione di Ilide Carmignani. €18,00 – ebook €9,99

I suoi occhi erano, come dire, potenti. Fu quello l’aggettivo che mi venne in mente allora, un aggettivo che evidentemente non nasceva dall’impressione reale che i suoi occhi lasciavano nell’aria, sulla fronte di chi riceveva il suo sguardo, una specie di dolore fra le sopracciglia, ma non trovo aggettivo che funzioni meglio. Se il suo corpo tendeva, come ho detto, a una rotondità che gli anni avrebbero finito per concedergli pienamente, i suoi occhi avevano qualcosa di affilato, di affilato in movimento.

Parafrasiamo questo brano. Ad esempio: Le sue parole sono, come dire, potenti. Riuscite a seguirmi? Bene, allora continuiamo. Ê questo  l’aggettivo che mi viene in mente sempre, un aggettivo che evidentemente non nasce dall’impressione reale che le sue parole lasciano nell’aria. E poi, lasciandone fuori un pezzetto:

View original post 706 altre parole


Mario Capello – L’appartamento

su Poetarum Silva scrivo di “L’appartamento” di Mario Capello

Poetarum Silva

appartamento_cover_HRMario Capello – L’appartamento – Tunué edizioni – € 9,90

Molti anni fa mi è capitato di vendere case: appartamenti e le famose villette a schiera. Ho sempre avvertito negli appartamenti, specie se non arredati, una sensazione di inadeguatezza, che ogni tanto diventava angoscia, non ho mai capito perché. La stessa sensazione ritornò, parecchi anni dopo quel periodo, quando andai a visitare piccoli monolocali, perché mi stavo separando. La mancanza d’aria del secondo periodo la capivo, però, e ho sempre pensato che tra le due titubanze (perché queste erano) ci fosse un legame, che non riuscivo a mettere a fuoco; poi mi è arrivato L’appartamento, opera prima di Mario Capello, e mi è sembrato che tutto tornasse. Prima di questo, però, devo parlarvi di un’altra cosa.

View original post 567 altre parole


Una frase lunga un libro #15: John Williams – Butcher’s Crossing

#unafraselungaunlibro 15 su Poetarum Silva

Poetarum Silva

butchers-crossingUna frase lunga un libro #15: John Williams – Butcher’s Crossing, Fazi, 2013. Traduzione di Stefano Tummolini . € 17,50 – ebook, € 9,99.

Prima di allora i suoi occhi erano rimasti fissi quasi tutto il tempo sulla schiena di Miller, ora invece si sforzavano di guardare lontano, verso quel mucchietto di terra irregolare, ora più nitido, ora sfocato, che si stagliava contro l’orizzonte. E si accorse che la sua smania di raggiungerlo era simile alla sete che aveva appena provato. Sapeva che le montagne erano lì, riusciva a vederle, ma non capiva esattamente quale genere di fame o di sete avrebbero placato in lui.

Quando agli inizi del 2012, in Italia, scoprimmo Stoner, il romanzo capolavoro di John Williams, in molti, restammo a bocca aperta. Quasi nessuno, tra critici e lettori, conosceva lo scrittore statunitense (1922 – 1994) e, quasi nessuno, dopo averlo letto, ha potuto dimenticarlo. Stoner (potete leggerne una…

View original post 513 altre parole


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: