Ecco come è andata vecchio

san paolo - foto gm

san paolo – foto gm

 

 

Ecco come è andata vecchio. Ho fatto una scaletta, sì, proprio. L’ho cambiata sei volte e poi l’ho dimenticata. Nicoletta Bernardi aveva il mio foglio come sempre dovrebbe essere e mi ha fatto cenno di guardare, era il mio foglio cazzo. Ho ringraziato e ho guardato. Quindi poi abbiamo cominciato e mi pare che sia andata più o meno bene. Bene come possono andare le cose quando ti affidi a una manica di adolescenti. Certo non è stato come rimanere in casa a guardarsi la Champions ma un po’ di divertimento e qualche emozione qua e là l’abbiamo infilata pure noi.

Volevo dirti dei cessi di Macao, sono tre: maschi, femmine e innamorati. Maschi e femmine erano sempre occupati ho pisciato due volte in quello degli innamorati. Si piscia uguale. Queste sono quelle robe che ti fanno sorridere, lo so. Magari era meglio pisciare in giardino mentre Catalano leggeva: Che cazzo ci fanno i gabbiani a Milano. Non per Catalano ma per spiegare i gabbiani.

Tenere il microfono alla Garlaschelli è stata una delle cose più belle che io abbia fatto nella vita, è stato come se attraverso il filo del gelato (so parlare come i fonici, se voglio) mi arrivasse addosso la sua emozione. Non lo dimenticherò

Non dimenticherò nessuno dei tuoi amici, nostri amici. Non dimenticherò chi ha letto e chi no. Non dimenticherò chi non è potuto venire ma avrebbe voluto. Non dimenticherò i ragazzi di Macao che all’inizio no, ma che dopo ti sarebbero piaciuti. E che mi hanno offerto varie birre. Non dimenticherò la mia espressione idiota di quando ho chiesto a uno di loro se potesse riaccendere il faro, e lui mi ha detto: Il pulsante.

Ho sbagliato un sacco di cose vecchio ma siamo stati nei tempi, come sempre dovrebbe essere. Sapevo che a qualcuno non sarebbe andato bene cosa avrebbe letto un altro e che si correva il rischio di gareggiare al ricordo migliore. Poi tutti hanno capito che il ricordo perfetto non esiste, esiste solo il proprio.

La Vallorani è venuta in bici. Paolacci e la Ronco dai seggi, sì dai seggi. Li hai tirati su bene. E poi tutti gli altri che pure c’erano. L’equipe di Sarzana con una splendida Bernardini e un emozionato Zannoni in nero. La Terni che ha letto come a te sarebbe piaciuto. Domenichini ha mandato un sms da Parigi, sai com’è l’avvocato. La Rimondi si grattava la testa. E Gabos che non siamo riusciti ma è come se ci fossimo riusciti. E Monica che invece siamo riusciti. Perché questa è vicinanza e a volte è una speranza. E Giuseppe che adesso ha un pizzetto che gli sta bene ma l’avresti riconosciuto. E ti sarebbe piaciuta Ylenia che quando ha letto La Conta mi è sembrata altissima. Anna sta meglio sì, capita, sai com’è con i ponti. Nicoletta Bernardi, c’erano tre Nicolette come in una trilogia, meno male che c’era. La Tebaldi è bene che l’abbiano inventata.  E Rachele che sempre andrebbe ringraziata. Poi c’era la Soluzione Fisiologica Mavalà, sì c’era. C’era poi Paolo che è un mio amico ma te lo ricorderai, ecco lui c’è sempre e gli ho allungato un tuo racconto sottobanco. Poi c’era una voce a un certo punto, ecco quella è una voce che nessuno se la scorderà, era la voce di quel passo di Palassolo. E ridevo molto e mi commuovevo. E quindi ho riso e mi sono commosso e poi alla fine con piglio da camorrista ho litigato pure con qualcuno che ci metteva fretta.

Secondo me non ti sarebbe piaciuto tutto, ma qualcosa sì e va bene. Adesso vado che devo leggere dei racconti poi ti dico come sono.

©Gianni Montieri

Annunci

One response to “Ecco come è andata vecchio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: