Lettere aperte al fronte brasiliano #50

berlino 2011 -gm

Ti dico alcune cose che ho sognato:
Il Doctor House mi seguiva su Twitter
in Egitto nessuno sparava sulla folla
non c’erano morti, in questo paese
non c’erano grazie da concedere
a evasori fiscali. L’ultimo riguardava
un’ecatombe di zanzare.

Sono tutti sogni, immagini, cose
ma in questa poesia di Ferragosto
volevo dirti di un avvenimento
solitudine percepita, mancanza.

***
(inediti 2013 – gm)

Annunci

2 responses to “Lettere aperte al fronte brasiliano #50

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: